Sabadì - Modica (RG)

Un emigrante al contrario, Simone Sabaini, veronese, che lascia il mondo della finanza e si trasferisce in Sicilia, a Modica, dove intuizione, capacità e tenacia lo portano rapidamente ai vertici della produzione del cioccolato.

Introduce nella lavorazione del cioccolato modicano il temperaggio, per garantire stabilità qualitativa al prodotto.
Il temperaggio, che Simone fa ad una gradazione più bassa del solito, consente di ovviare all’inconveniente storico del cioccolato di Modica che, nato essere consumato fresco dopo qualche giorno tende a scindersi, con il burro di cacao che tende ad affiorare, alterando le caratteristiche organolettiche e gustative.
Il temperaggio consente una migliore qualità e una più lunga stabilizzazione con il mantenimento delle caratteristiche organolettiche in purezza pur preservando la tradizionale lavorazione del prodotto.

L’esperienza gli ha insegnato come selezionare la materia prima affidandosi a cooperative che seguono la filiera dei produzione dalla fase di coltivazione alla raccolta ed essicatura del cacao. Uno straordinario cacao, il Nacional fino de aroma Arriba Superior Summer Selected proposto in diversi abbinamenti di forte personalità.
Le materie prime utilizzate provengono tutte da produttori del commercio equo solidale e da presidi slow food, nel rispetto delle comunità indigene, dell’ambiente e della biodiversità.
Sabadì produce tavolette di cioccolato Modicano di qualità inarrivabile, abbinato ad ingredienti, non aromi, frutto di questa straordinaria terra siciliana.
Gli zuccheri: Mascobado, Panela, varie di canna, e l’interessantissimo estratto di fiori di palma da cocco (non in foto).

Sabadì è il giorno che forse non esiste.
E’ il giorno in cui rallentiamo, in cui riflettiamo su cosa sia veramente importante.
E' il giorno in cui pensiamo a cosa sia la qualità della vita e a quello che facciamo per raggiungerla.
E’ il giorno in cui proviamo a prenderci il giusto tempo per godere delle piccole cose.
E’ il giorno in cui ritroviamo il gusto dimenticato delle albicocche che raccoglievamo in campagna da piccoli.
E’ il giorno in cui scopriamo quanto possa essere diversa una mela da un'altra.

Non ci sono produttori.